Il cigno di Mâcon

Swan

Cigno che nuota nella Saône a Mâcon, città della Borgogna.

Sono lento tanto a scrivere nuovi post quanto a sistemare le foto del mio archivio fotografico. Infatti negli ultimi due mesi non ho scritto nulla di nuovo, nonostante abbia scattato molte fotografie interessanti, soprattutto a Lisbona. E ovviamente non ho ancora elaborato tutte le foto del mio viaggio portoghese, su cui vorrei scrivere un resoconto per immagini e parole… ma devo ancora scrivere del viaggio a Budapest, di quello in Borgogna e dei luoghi pavesiani! Magari questo inverno troverò finalmente il tempo…

D’altra parte quando faccio foto, quando elaboro gli scatti e quando scrivo post sulla fotografia mi piace prendermi il mio tempo senza dover rendere conto a nessuno. Dedicarsi alle attività che più piacciono non deve comportare l’ansia che già danno il lavoro e gli impegni quotidiani.

La lentezza, inoltre, ha molti aspetti positivi. Per quanto riguarda l’elaborazione delle fotografie, per esempio, dà la possibilità di concentrarsi su ogni dettaglio dell’immagine e di valorizzarlo. Questo è un lusso nel moderno mondo del lavoro, dove la qualità è troppo spesso un lusso…

Per quanto riguarda questa foto, l’ho elaborata un anno dopo averla scattata, dato che il mio viaggio in Borgogna risale ormai all’estate 2010. Alla fine ho accontentato le richieste di Kibaneko, che voleva (ri)vedere il cigno già ammirato dal vivo… perché ho impiegato tanto tempo per accontentare la richiesta? Beh!, come ho detto mi prendo il mio tempo per scattare ed elaborare fotografie… inoltre l’ultimo anno è stato molto intenso soprattutto a causa del ritorno a Vimercate dopo un anno e mezzo a Gorizia. Il motivo più strettamente legato allo scatto, però, riguarda un tipo di elaborazione che di solito evito, cioè una modifica sostanziale dell’immagine.

Ho utilizzato Photoshop per rimuovere un secondo cigno che si intravedeva dietro l’ala sinistra. Infatti sulla destra dell’immagine s’intravedeva un ammasso bianco che risultava fastidioso perché  distraeva l’attenzione dal cigno con le ali spalancate. Per effettuare tale elaborazione ho innanzitutto selezionato la zona d’acqua sulla sinistra, l’ho duplicata in un nuovo livello e l’ho riflessa orizzontalmente, in modo da avere una grande pezza con cui coprire il cigno indesiderato sulla destra. Poi ho effettuato una selezione ed applicato una maschera, in modo che il nuovo livello coprisse soltanto il cigno dietro l’ala sinistra di quello in primo piano. Infine ho utilizzato ulteriormente lo strumento timbro per perfezionare la zona d’acqua duplicata e renderla omogenea al resto dell’immagine.

Dopo aver rimosso il cigno indesiderato ho effettuato le solite correzioni per perfezionare lo scatto RAW già sviluppato in precedenza in Capture NX 2: aumento del contrasto con curva a S, utilizzo di un livello di regolazione tonalità/saturazione per rendere l’acqua più blu e più satura, ridimensionamento dell’immagine a 1024px sul lato orizzontale, leggero sharpen applicato solo al cigno attraverso una maschera, conversione del profilo colore in sRGB ed esportazione in JPEG alla massima qualità.

Dati EFIX della foto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...